giovedì 31 dicembre 2009

Buon 2010 e Buone Feste!


Buone Feste...

Anno Intenso questo per il brand scandinavo Saab ed anche per il SAABnews che nato a Febbraio di quest'anno ha finora raccolto più di 428 Articoli pubblicati, più di 1000 immagini e foto e raccolto migliaia di accessi toccando punte massime di circa 400 visite giornaliere. Vi ringraziamo per questo, senza i nostri lettori questo blog non avrebbe ragione di esistere e tali numeri possono solo dimostrare quanto questo piccolo progetto nato quasi per caso si stia sviluppando nel migliore dei modi. Con questo post vogliamo Augurare a tutti i Nostri lettori e a tutti gli appassionati del brand Saab un Buon Anno 2010 e Buone Feste!

Grazie da tutto lo staff del SAABnews!

Ripresa della produzione e Campagna Stampa per la 9.5


Campagna Stampa...

Incredibile, anche se il futuro di Saab sembra ancora indeciso e si parlava di chiusura, riparte la produzione di alcuni modelli nella sede centrale svedese di Trollhattan, la motivazione principale sembra essere "fare fronte alle richieste dei vari dealer nel mondo". Finite le scorte? Concessionari vuoti? Fiducia dei clienti? Ignoriamo le vere motivazioni di questa "ripartenza" che potrà ridare lavoro a molti dei dipendenti fermi dal precedente blocco della produzione in occasione delle festività natalizie. In occasione della ripartenza sono state diffuse anche le prime immagini della prossima campagna stampa che vedrà come protagonista la nuova ammiraglia Saab 9.5 Sedan My 2010 (in foto nell'articolo), le voci che davano la nuova 9.5 ribrandizzata con marchi americani come Buick sono infondate? Perché investire in pubblicità e marketing per un prodotto ancora "in bilico"? Attendiamo come Voi risposte...

I Saab Club marciano su Trollhattan e su Detroit


Si parte...

Alcuni Saab Club Europei stanno organizzando un raduno a Trollhattan il 7 Gennaio 2010. Obbiettivo principale del viaggio/raduno è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica sulla vicenda Saab il cui destino non sembra ancora chiaro e l'ombra della chiusura aleggia sul brand scandinavo. Anche oltre oceano, negli Stati Uniti per la precisione, moltissimi appassionati sembrano in procinto di organizzare un viaggio verso Detroit sede principale del gruppo americano ancora proprietario del brand svedese. Il viaggio/raduno Europeo è stato indetto dal Saab Club Olandese ed ha già raccolto in un solo giorno più di 300 partecipanti, mentre non sono ancora disponibili ulteriori dati per l'evento americano. Crediamo che queste manifestazioni di interesse per Saab siano ottime e speriamo possano "smuovere" anche l'interesse nel management di General Motors, raccogliere svariati modelli davanti al Renaissance Center di Detroit dovrebbe quanto meno incuriosire il Consiglio di Amministrazione del gruppo americano.

mercoledì 30 dicembre 2009

Una Saab 92B di Neve


Non il solito pupazzo di neve...

Perché ricreare il solito pupazzo di neve? Sarà stata questa la domanda che si è posta un appassionato Saab Mr. Gunnar L. che approfittando delle abbondanti nevicate, che hanno anche paralizzato il nord della nostra penisola, he deciso di ricreare una Saab 92B con la neve caduta nel suo giardino. Un'ottima opera arricchita anche da due lampade che ricreano l'illuminazione anteriore del veicolo. Beh che state aspettando? A quando una Saab di neve Italiana? Se avete voglia di cimentarVi non dimenticate di scattare qualche foto alle Vostre opere, non mancheremo di pubblicarle. Ah dimenticavamo... Ottimo lavoro Mr. Gunnar!
Una foto notturna della Saab ricreata con la neve.

Saab alla Casa Bianca


Si tenta il tutto per tutto...

Il principale sindacato di Saab Automobile Ab l'If Metall si metterà in contatto con il Governo degli Stati Uniti, che dopo la crisi economica è diventato il maggior azionista del gruppo di Detroit ancora proprietario di Saab. "Abbiamo deciso di fare tutto il possibile! Vogliamo sapere quando questa vicenda sarà terminata. Noi abbiamo fatto del nostro meglio" ha dichiarato Mr. Stefan Löfven Presidente dell'If Metall. I temi dei colloqui richiesti alla Casa Bianca non sono a conoscenza dei media, ma siamo sicuri che convergano sui negoziati Saab. Il sindacato cercherà di ottenere un aiuto da parte del governo degli Stati Uniti per influenzare General Motors a vendere il brand svedese e non a chiuderlo definitivamente. "Il mercato determina il futuro, ma vogliamo sottolineare che se un acquirente è in grado di finanziare l'operazione si tratta comunque di un buon affare e si garantisce un futuro a migliaia di posti di lavoro" afferma Mr. Löfven. Il gruppo americano vuole vendere Saab? "Suppongo, ma nulla è certo ed è necessario che General Motors elimini ogni dubbio!" ha concluso Mr. Stefan Löfven.

Foto da Göteborg


Ancora avvistamenti...

Ufo? Alieni? No, niente di tutto questo, una nuova Saab 9.5 My 2010 Sedan a Göteborg in Svezia. Dopo la prima nuova ammiraglia targata avvistata a Stoccolma, di cui vi abbiamo già pubblicato varie foto, ecco il secondo esemplare regolarmente immatricolato in Svezia (perdonate la qualità della foto, ma si tratta di un'immagine scattata con un cellulare di sera). Questa volta non ci troviamo nella capitale svedese, ma a Göteborg, città dove pochi anni fà si sono svolte gli Europei di Atletica Leggera e paese natale di un'altra casa automobilistica svedese. Un nuovo fortunato, che come sappiamo fà parte del management Saab, ma di cui ignoriamo nome e ruolo nella casa di Trollhattan.

Futuro appeso ad un filo


Si rimanda nuovamente...

Ricominciamo? E' stata la prima parola pronunciata in redazione dopo la notizia battuta dall'Ansa, il destino della casa automobilistica svedese viene rimandato di una settimana prolungando l'attesa dei lavoratori e degli appassionati ai primi di Gennaio 2010. Un nuovo riinvio che ricorda il calendario (finora) mai rispettato della vicenda Saab. La sorte di Saab sembra non vedere la fine il 31 Dicembre 2009 come già anticipato tempo fà, ma General Motors sembra decisa a chiudere la vicenda Saab solo ad inizio Gennaio per valutare con la massima attenzione le varie proposte di acquisto del brand scandinavo. Il Capo del Sindacato Mr. Paul Åkerlund ha affermato "General Motors sta valutando tutte le offerte presentate per Saab, e se qualcuna di queste appare interessante, è ovvio che la scadenza del 31 dicembre non può più essere considerata sacra", dichiarazione non positiva per il Ceo di Spyker Mr. Victor Muller che voleva mettere la parola fine sulla vicenda Saab proprio a fine anno.

In support of Saab Automobile Ab



Manifestazioni di affetto...

Il popolo di appassionati del brand svedese Saab si stà da mesi muovendo e tenta, grazie ad internet, di smuovere il grande pubblico sul destino della casa automobilistica di Trollhattan. Tentativo lodevole e ottimo, il cui lavoro è solo da premiare e ammirare, speriamo che i manager mettano una mano sul cuore, a volte prima di ottenere un utile bisogna seguire un sogno... Le dure leggi del mercato non danno spazio ai sentimentali ed ai sognatori, ma per ricreare un mito e non una semplice vettura crediamo sia necessario essere mossi dal cuore.

lunedì 28 dicembre 2009

Commenti dal Direttore di Quattroruote


Un post su "Quattroruote"...

Forse non è cosa gradita ad alcuni nostri lettori, ma proprio oggi il Direttore della famosa rivista Quattroruote Mauro Tedeschini ha aperto un topic sul suo blog personale relativo alla vicenda Saab. Il futuro della casa svedese che finora si era riservato piccolissimi articoli sulla testata automobilistica nostrana sembra aver suscitato interesse presso l'Editore Domus e un nuovo articolo firmato dal Direttore può essere apprezzato per l'interesse, ma non per i contenuti. Lo staff del SAABnews si dissocia dal pensiero di Mr. Tedeschini che vede la casa svedese ormai definitivamente persa, lasciando intendere una sottile noncuranza sul brand scandinavo "pensare che tutti i vecchi brand occidentali possano vivere mi sembra illusorio", se il nome era Italiano o Tedesco non crediamo che il Direttore di Quattroruote avrebbe riservato certi commenti, ma lasciamo a voi la parola definitiva con il link all'articolo pubblicato.

Una nuova 9.5 My 2010 a Stoccolma


Foto da Stoccolma...

Una cartolina natalizia? No, sembra proprio la realtà, una nuova Saab 9.5 Sedan My 2010 fresca di immatricolazione si aggira per il centro di Stoccolma e non si tratta di una trovata pubblicitaria del marketing scandinavo. Se in questi giorni sul "fronte" Saab nessuno vuole o può esporsi più di quanto è già stato pubblicato, la testata tedesca Auto Motor und Sport ha pubblicato queste foto semi rubate, scatenando una piccola bagarre trà appassionati e lettori. Come si sà le vendite partiranno nel 2010 e tale modello immatricolato sembra quasi anacronostico, ma nessun mistero in vista, il veicolo come altri 3 che girano per la capitale svedese non sono nient'altro che le prime vetture di pre produzione uscite dalla linea di montaggio di Trollhattan e sono state fornite al management Saab. Questa in livrea blu notte è niente meno che fornita al Ceo del brand scandinavo Mr. Jan Ake Jonsson, come confermano le immagini il modello è una 2.0T da 220cv Xwd benzina, un motore ormai quasi "storico" che crediamo possa ancora fornire ottime prestazioni al conducente. La lista dei fortunati chi tocca? Oltre al Ceo svedese sono stati pubblicati vari nomi come Mr. Mats Fägerhag Capo del Settore Tecnologico del brand Saab e Simon Padian Direttore del Design per Saab Automobile Ab.

Buon Natale!



Buon Natale...

Saab Automobile Ab ha riproposto per queste feste un video realizzato dal Marketing Svedese lo scorso anno, a quanto pare non si riciclano solo i regali a Natale. Vi riproponiamo il video, sperando di regalarVi un nuovo sorriso anche se di questi tempi Saab non ne regala molti agli appassionati e alla stampa specializzata. Buone feste dal SAABnews!

giovedì 24 dicembre 2009

La nuova 9.5 Wagon senza veli


La prima foto senza veli della Wagon...

E se il futuro della casa scandinava sembra ancora in bilico e le decisioni sono rimandate a settimana prossima, su internet sono state scovate le prime foto "senza veli" della nuova Saab 9.5 Wagon My 2010. Si riconosce la linea posteriore già vista sulla sedan che unisce i fari posteriori e slancia la grande ammiraglia. Montanti posteriori neri come quelli anteriori ed un taglio dei finestrini posteriori che ricorda moltissimo le precedenti versioni del modello Wagon. Lasciamo ora ogni commento ai nostri lettori sperando che tale modello veda la luce nel migliore dei modi.

Come si passa il Natale a Trollhattan?


Che succede in Svezia...

Moltissimi si chiederanno quale atmosfera si respira a Trollhattan in questi giorni e quali lavori non si sono ancora fermati. Il SAABnews cercherà di darVi una risposta proponendovi due piccoli comunicati da parte di Saab Automobile Ab e da Spyker Cars.

Spyker Cars ha reso noto tramite le due testate giornalistische E24 e Reuters, la concessione di una proroga alla decisione finale su Saab al gruppo di Detroit, ripresentando la seconda e ultima proposta di acquisto del brand scandinavo lunedì 28/12/2009. Una piccola pausa per la festività natalizia che darà modo a General Motors di riflettere sui business plan olandesi. Il Ceo Mr. Victor Muller attende fiducioso la prossima settimana e ai microfoni di Reuters si è descritto tranquillo e speranzoso.

Saab Automobile Ab in questi giorni stà dando molto lavoro al suo management e stà preparando due possibili scenari per l'azienda scandinava: la liquidazione e la ripartenza con un nuovo proprietario a Gennaio.

Trollhattan - 23/12/2009 ore 13:45
Saab Automobile Ab stà lavorando su due piani paralleli
La gestione dell'azienda informa che è stata indetta una riunione del team di gestione ed una riunione del Consiglio di Amministrazione proprio oggi. La società sta lavorando in parallelo su due scenari diversi: una nuova ripartenza dei lavori con il nuovo proprietario e la vendita completa di Saab Automobile Ab. La gestione dell'azienda stà anche aiutando la General Motors nell'analisi dei soggetti interessati e approfitta di tale comunicato per ringraziare tutto il personale per l'impegno e la fantastica prestazione nel corso di un anno stressante e per augurare a voi e ai vostri cari un Buon Natale.

Una strana slitta


Da Babbo Natale...

Dopo tante notizie così grigie e pesanti, vogliamo accoglere la proposta di un nostro lettore che ci chiede un sorriso, cerchiamo di regalarlo non solo a lui, ma anche a tutti i nostri fedeli lettori proponendoVi una strana slitta. Domani si festeggia il Natale e perché non dare un'occhiata al mezzo di locomozione di Babbo Natale? Quest'anno sembra aver lasciato la normale slitta a casa ed è stato avvistato con una strana vettura, questa rossa che vi proponiamo in foto, a voi non ricorda qualcosa?

Buon Natale da parte di tutto lo Staff SAABnews a Voi e alle Vostre famiglie...
Auguri...

mercoledì 23 dicembre 2009

Intervista a Victor Muller Ceo di Spyker


Parola a Mr. Muller...

Ttela e la Radio Svedese Sr hanno recentemente intervistato il Ceo di Spyker Cars Mr. Victor Muller (in foto) che si è recato a Trollhattan nella sede centrale di Saab. Di seguito vi proponiamo le osservazioni espresse e le parole del Ceo olandese che sembra essere convinto e risoluto della sua proposta.

Intervista a Mr. Victor Muller di Spyker Cars
Dopo aver presentato la nuova proposta a General Motors Mr. Muller si è recato a Trollhattan dove ha incontrato rappresentanti sindacali e management del brand svedese "Siamo venuti quì per dimostrare nuovamente il nostro interesse e la nostra partecipazione" ha affermato Mr. Victor Muller e chiede grande collaborazione in questo momento. I negoziati sono stati intensi e la data ultima è il 31 Dicembre quando scadrà il termine di General Motors. Alla domanda posta dal nostro giornalista "Perché desidera acquistare Saab?" Mr. Muller risponde "Perché rappresenta non solo un brand automobilistico, ma uno status, un'icona e vedo un ottimo futuro per Saab", "Che cosa si può fare per i dipendenti?" il Ceo olandese conferma il suo impegno "Noi di Spyker stiamo facendo tutto il possibile glielo posso assicurare", ma quello che si domandano in molti è la provenienza dei fondi messi in campo per acquisire Saab, da dove provengono? Mr. Muller non preoccupato dalla domanda risponde tranquillo "Il nostro business plan è interamente finanziato. Una delle fonti è la Banca Europea per gli Investimenti, ma ci sono molte altre fonti", lasciando intendere la partecipazione di grosse potenze economiche, alcuni rumors infatti davano alcune Banche Russe interessate all'affare, e sposta la questione sul brand svedese "Saab è un marchio storico e simbolico per l'industria automobilistica e deve essere salvato, se amate le automobili dovete pensare a Saab" le tempistiche date a General Motors non sono state troppo dure? Il gruppo di Detroit ha infatti chiesto una proroga per la decisione finale... "L'urgenza delle trattative è dovuta alla scadenza del mandato di General Motors che scadrà a fine anno e non possiamo far rimanere ferma un'azienda, io stesso non mi muovo da quì fino a quando la questione non sarà risolta, credo che passerò la vigilia di Natale in Svezia" sorride. Nel corso della giornata Mr. Muller ha incontrato il rappresentante Sindacale Mr. Paul Akerlund che conferma l'atmosfera tranquilla e costruttiva, i temi trattati sono stati vari, ma al Ceo olandese interessava sapere l'impegno effettivo del Governo se era in atto secondo i lavoratori di Trollhattan e cosa poteva fare Spyker per i dipendenti. Mr. Paul Akerlund ne ha approfittato per sollevare alcune critiche contro il governo "Si deve esporre in modo più chiaro e mostrare pubblicamente la loro buona volontà e il sostegno per l'azienda, bisogna trovare una soluzione da affrontare con Saab. Il Governo non è stato abbastanza vicino a Trollhattan. Poteva mostrarsi più favorevole alle proposte delle società che si sono fatte avanti, poteva dare un proprio parere a General Motors, ma non lo ha fatto" un duro parere che tiene a precisare è solo un opinione personale e non di tutti i dipendenti. Rimaniamo in attesa...

martedì 22 dicembre 2009

General Motors convinta della chiusura di Saab


Convinzione americana...

General Motors ha già dichiarato la possibile liquidazione del brand scandinavo Saab suo controllato e sembra che nella sede centrale di Trollhattan si stia già lavorando per iniziare il processo di chiusura definitiva. Il blocco della produzione potrebbe non interrompersi e non si conosce ancora il destino delle vetture in stock nei magazzini, l'ultima data in calendario parla del 31 Dicembre ed oggi è solo il 22, ma il management del gruppo di Detroit sembra interessato ormai a "smantellare" il brand svedese come ha già fatto con un suo controllato Saturn, ma non tutto sembra perduto un briciolo di speranza viene alimentato dal Vice Presidente di General Motors Mr. Christopher Preuss che ha affermarto "Stiamo esaminando la nuova offerta di Spyker Cars e se qualcosa cambia, accetteremo". Rimangono pochi giorni è vero, ma le date sono sempre state prolungate e se un ritardo potrà portare una buona notizia ci armiamo di pazienza.

Spyker rinnova l'offerta per Saab!


Non è finita...

Spyker Cars ha ufficialmente presentato una nuova proposta di acquisto per Saab Automobile Ab, offerta articolata in 11 punti sembra più chiara della precedente e cancella la parola "fine" dalla vicenda Saab. La decisione spetta ancora al gruppo americano che dovrà rispondere alla società olandese prima della fine dell'anno. Di seguito ecco il comunicato stampa rilasciato da Spyker Cars sul suo sito.

Spyker Cars rinnova l'offerta per Saab
Zeewolde, Olanda 20 Dicembre 2009 - Dopo l'annuncio venerdì del rifiuto della prima proposta di Spyker, la dirigenza della società olandese ha presentato una rinnovata offerta, nella speranza di garantire un futuro per Saab, per i suoi dipendenti e per il marchio, nonostante l'annuncio di General Motors relativo alla liquidazione già iniziata. Il Ceo di Spyker Cars Mr. Victor R. Muller, ha confermato la presentazione di una nuova proposta articolata in 11 temi, emersi durante una precedente riunione con il management americano. Questa nuova proposta eliminerebbe qualsiasi ostacolo precedentemente non previsto. "Abbiamo fatto ogni genere di sforzo per risolvere i problemi che hanno impedito di concludere questa vicenda e così abbiamo rielaborato una proposta e richiesto a General Motors di prenderla seriamente in considerazione" ha affermato Mr. Muller e ha continuato: "Siamo molto fiduciosi della nostra nuova offerta e potrà rimuovere lo stallo creato venerdì, si potrebbe chiudere la vicenda Saab prima della fine dell'anno". La nuova offerta elimina la necessità di un'approvazione del prestito da parte della Bei prima di fine anno, elemento che porterà ad una risposta positiva da parte del gruppo di Detroit. I nostri sforzi sono dovuti a passione e al tentativo di salvataggio di un brand icona che saremo onorati di sostenere e guidare e dei posti di lavoro in bilico. "Più di 1500000 Saabisti sono senza dubbio in pena per la sopravvivenza di questo brand fenomenale e noi potremmo portare qualcosa a Saab" conferma Mr. Muller, sottolineando come Spyker amplierebbe la rete vendita e Saab otterrebbe un grosso aiuto finanziario per rimanere competitiva e individuale. Nel corso di questi negoziati, Saab e Spyker hanno dimostrato di condividere gli stessi interessi e ciò può solo portare ad un ottima partnership. "Il nostro motto aziendale è: Nulla tenaci invia est via - Per colui che è tenace nessuna strada è impraticabile" afferma Mr. Muller "E noi intendiamo rimanere fedeli a ciò che è emerso nel corso di questi negoziati".

Nota per i media: Per la pubblicazione delle immagini ad alta risoluzione si prega di visitare la galleria sul nostro sito http://www.spykercars.com/

Per ulteriori informazioni giornalistiche, si prega di contattare:
PFPR Communications Ltd
Mr. Mike Stainton
Tel: +44 (0)1622776687 (Ufficio)
Tel: +44 (0)7739891040 (Mobile)

Mr. Peter Rawlinson
Tel: +44 (0)1622691361 (Ufficio)
Tel: +44 (0)7971472715 (Mobile)

Abbiamo creduto in questo


Saluti ufficiali...

Saab Automobile Ab ha diffuso tramite il suo blog ufficiale una fotografia dell'intera squadra che ha lavorato per realizzare la nuova 9.5 My 2010. Il titolo per l'articolo è "Abbiamo creduto in questo", i commenti sono molto tristi e desolati. Speriamo solo che non si chiuda definitivamente il brand scandinavo che sicuramente non si merita una fine di questo genere.

Il Governo commenta la vicenda Saab


Parole dal Governo...

Il primo Ministro Svedese Mr.s Maud Olofsson (in foto sulla destra) espone la sua delusione per la vicenda Saab all'emittente Svt. Il primo Ministro ha dichiarato "General Motors è da biasimare per la vicenda Saab" criticando aspramente la decisione del gruppo americano di liquidare l'azienda scandinava. "E' stata una notizia molto triste per tutti i dipendenti e giunta nel periodo peggiore possibile, sono e sarò sempre la prima a lamentarsi delle azioni di General Motors che non ha voluto concludere accordi commerciali con nessuna società e credo che il gruppo di Detroit non abbia ancora chiara la soluzione da adottare con Saab" parole dure, che non sono terminate nemmeno durante la conferenza stampa indetta a Trollhattan, dove ha continuato con le critiche "Il proprietario di Saab è General Motors e avrebbe potuto fare di più per il brand svedese in un anno di tempo, il Governo si è impegnato nel migliore dei modi e ha cercato di rendere la patria natia di Saab la più attraente possibile (economicamente e aziendalmente parlando), ma ora General Motors deve assumersi le proprie responsabilità. La questione più importante ora è prendersi cura dei lavoratori e del loro futuro" dichiara Mr.s Olofsson. Il Governo non è pronto a sostenere da solo l'azienda automobilistica di Trollhattan "non abbiamo le conoscenze e i fondi necessari per farlo" chiude il primo Ministro. Secondo la testata Motor Trend il Governo Svedese in questi giorni ha fissato un ricco calendario di incontri con azionisti e possibili acquirenti per tentare un disperato e ultimo tentativo di salvare il brand Saab ed evitare così il licenziamento di una forza lavoro che muove quasi l'intera nazione (secondo un recente studio perderebbero il posto di lavoro 3500 dipendenti alla sede centrale più collaboratori esterni e indotto toccando 8000 persone circa esclusi i 1100 dealer disseminati nel mondo).

Test EuroNcap per la nuova 9.5



Ottimo risultato...

Se a Novembre, come vi avevamo segnalato, Saab non era stata presente al Top Safety Pick 2009, a dicembre i collaudi per la nuova ammiraglia svedese non si sono fatti attendere ed eccola ai duri test dell'EuroNcap. Test superati brillantemente e come da tradizione il brand Saab risulta uno dei migliori in sicurezza e la nuova 9.5 Sedan My 2010 si guadagna le ambite 5 stelle EuroNcap.

  • Occupanti - Adulti - 94%

L'abitacolo è rimasto intatto negli impatti frontali ed il pilastro del parabrezza coinvolto nella collisione si è spostato di soli due millimetri. I manichini Dummy utilizzati nelle prove hanno mostrato una buona protezione delle ginocchia e dei femori dei passeggeri anteriori (conducente e passeggero). In generale tutti gli occupanti della vettura Saab sono stati ben protetti durante l'impatto. Nel test che ha coinvolto il lato sinistro del veicolo sono stati assegnati alla vettura scandinava i migliori punteggi per aver registrato buona protezione in tutte le parti del corpo degli occupanti. Durante la collisione più forte testata sono state registrati valori sufficenti per il torace e l'addome del conducente, mentre le lesioni del colpo di frusta in caso d'urto posteriore sono stati valutati buoni.

  • Occupanti - Bambini - 80%

Sulla base delle letture dei Dummy nelle prove dinamiche eseguite, la 9.5 My 2010 ha ottenuto il punteggio massimo per i bambini di 3 anni. Il movimento in avanti della testa del manichino è stato ben controllato e sia i manichini dei bambini di 3 anni e di 18 mesi sono stati ben protetti anche durante gli urti laterali. L'airbag del passeggero anteriore può essere disattivato per consentire l'installazione di porta bebé sul sedile anteriore. Tuttavia, le informazioni fornite al conducente in merito allo stato dell'airbag non sono sufficientemente chiare ed i pericoli relativi all'utilizzo del sistema di ritenuta rivolto all'indietro, senza prima disattivare l'airbag non sono indicati chiaramente.

  • Protezione per i Pedoni - 44%

Il paraurti anteriore ha ottenuto il punteggio massimo per la protezione passiva offerta alle gambe dei pedoni coinvolti in un incidente. I punti non controllati dal test sono risultati meno adatti per questo a partire dal 2010, la valutazione EuroNcap del paraurti sarà ampliata. Il bordo anteriore del cofano si è dimostrato scarso per la collisione con un adulto che potrebbe colpire la testa sul cofano in varie aree.

  • Sicurezza elettronica - 86%

Il controllo elettronico della stabilità è di serie su tutte le versioni così come i pretensionatori delle cinture di sicurezza anteriori e posteriori. Ottimi accorgimenti di serie per tutta la gamma.

lunedì 21 dicembre 2009

La proposta Spyker è rifiutata si parla di chiusura per Saab


Senza parole...

Se già la testata Bloomberg annunciava alcuni problemi trà il Ceo di Spyker Cars e la Banca Europea per gli Investimenti Bei in relazione al prestito approvato per Saab, a confermarlo un comunicato stampa ufficiale del gruppo di Detroit ancora proprietario del brand scandinavo: la proposta Spyker è stata rifiutata e "aleggia" la chiusura degli stabilimenti del marchio svedese Saab. Una notizia che lascia senza fiato e riempe solo di rabbia e tristezza gli appassionati ed i media legati al mondo dell'automobilismo che in questi anni hanno seguito la vita di questo brand. Di sicuro non era la fine che ci aspettavamo per Saab, ma il nostro dovere è quello di pubblicarVi con ordine le notizie legate a questa vicenda e quindi bando a delusioni e mano alle news.

Siamo partiti confermando alcuni problemi evidenziati da Bloomberg: secondo la testata online la richiesta del prestito è stata la parte più lunga dell'intera vicenda Saab e queste tempistiche potrebbero ritardare nuovamente il nuovo proprietario. Ritardi che dovevano essere chiariti dopo l'abbandono da parte del Koenigsegg Group questi "ritardi" non solo da parte della Bei, ma anche da parte della Commissione Europea doveno essere risolti, ma sembra che non sia stato fatto niente ed i fatti lo dimostrano chiaramente.

La notizia ormai è ufficiale ed ecco di seguito il primo articolo pubblicato con alcune dichiarazioni di General Motors. Da questa prima press news sono partiti "catastrofici" titoli da parte dei mass media, che in questi giorni hanno fortunatamente retificato in base alle nuove news che vi pubblicheremo il prima possibile.

La vendita di Saab non può essere conclusa e il Brand potrebbe essere liquidato
18/12/2009 - Detroit
General Motors ha annunciato oggi che i progetti per la vendita di Saab Automobile Ab non saranno conclusi. Dopo l'abbandono da parte del Koenigsegg Group il mese scorso l'interesse di Spyker Cars verso il brand svedese era stato il più credibile, ma sembra che il gruppo americano (ancora proprietario di Saab) non sia riuscito a trovare un accordo con il costruttore olandese, il Presidente Europeo di General Motors Mr. Nick Reilly infatti conferma "Nonostante gli sforzi di tutti i soggetti coinvolti, è diventato chiaro per tutti che l'operazione non poteva essere chiusa in tempi ragionevoli e rapidi" e continua "Ci dispiace per Saab e per non aver concluso l'operazione con Spyker Cars. Lavoreremo a stretto contatto con il management Saab per porre fine alle attività in modo ordinato e responsabile. Questo non è un processo di fallimento o di liquidazione coatta. Di conseguenza, ci aspettiamo che Saab soddisfi i debiti con i fornitori, che la produzione sia sospesa gradualmente e che l'assistenza non si interrompa bruscamente". Saab continuerà ad onorare garanzie e a fornire servizi di assistenza e ricambi agli attuali proprietari di Saab in tutto il mondo.

Prima proposta di Spyker per Saab


La proposta olandese...

Le due testate giornalistiche Ttela ed il Detroit News sono le prime a pubblicare le conferme da parte del gruppo di Detroit relative all'interesse ufficiale di Spyker Cars al brand svedese Saab. Il numero uno di General Motors Mr. Ed Whitacre ha confermato che Spyker risulta il miglior offerente trà le varie società in corsa per Saab, tanto da rimanere l'unica. Alla domanda "un suo parere personale" Mr. Whitacre non si trincera dietro un no comment, ma conferma il suo appoggio "abbiamo le dita incrociate". Spyker Cars rimane il solo acquirente per Saab e sembra che possa diventare il nuovo proprietario del brand scandinavo prima della scadenza di fine dicembre, un ottima notizia per i dipendenti e gli appassionati del brand (nuova conferma dopo le prime foto di inizio dicembre), ma i lavori sono ancora in corso e Mr. Whitacre non si sbilancia come il portavoce di Spiker Mr. Mike Stainton che non vuole rispondere a nessuna domanda della stampa. La Banca Europea per gli Investimenti Bei ed il Governo Svedese hanno dato il loro sostegno alle parti in causa secondo alcune indiscrezioni e sembra che il prestito già approvato di 400 milioni di Euro circa si stia sbloccando in attesa del nuovo proprietario che dovrà però rispondere a nuove revisioni da parte dell'istituto di credito Europeo.

L'ultima 9.5 Wagon del 2009


Argento...

Medaglia olimpica? No, con questo intro vogliamo solo indicare il colore dell'ultima Saab 9.5 Wagon prodotta quest'anno. A confermarlo queste poche foto di bassa qualità rubate tramite un cellulare da un dipendente della sede di Trollhattan che è riuscito a ritrarre l'ultima Wagon prodotta prima del fermo di produzione previsto per quattro settimane a causa delle festività e dell'installazione delle nuove catene di montaggio. L'ultima 9.5 Wagon datata 2009 è una 2.3T a Benzina un vero classico che si merita un degno posto al Saab Museum in Svezia. Il dipendente autore degli scatti specifica "la vettura è ormai pronta, dovrà passare un ulteriore controllo e collaudo prima della vidimazione definitiva, dopodiché avrà il suo numero Vin univoco e verrà consegnata alla logistica per il trasporto ad un dealer".

Settimana "calda"


Pardon...

Abbiamo lasciato i nostri lettori soli in questa settimana così "calda" per Saab e così "fredda" meteorologicamente parlando... Vogliate perdonarci, ma abbiamo preferito anticipare la pausa natalizia per non lasciarvi "soli" in occasione delle feste. Cerchiamo ora di fare chiarezza e ordine di tutti gli articoli e news pubblicate sul mondo Saab in questa settimana. Ad una prima occhiata direi che il compito è molto arduo, ma lo staff del SAABnews cercherà di distreggiarsi tra rumors e comunicati non dimendicando i pareri ed i commenti dei nostri lettori.

Gli argomenti
In questa settimana svariate sono le notizie pubblicate legate al mondo Saab, cerchiamo di elencare in ordine cronologico gli argomenti che pubblicheremo in questi giorni:

venerdì 11 dicembre 2009

Nuova intervista a Mr. Koenigsegg


Si parla nuovamente con Mr. Koenigsegg...

La testata tedesca Auto Motor und Sport ha in questi giorni intervistato Christian Von Koenisegg un nome che fino a poche settimane fà veniva legato al futuro del brand scandinavo. Di seguito ecco l'intervista lasciamo ai nostri lettori ogni commento.

Ams: Perché avete deciso di abbandonare Saab?
Christian: Sicuramente non perché non crediamo nel futuro della casa scandinava, ma per le tempistiche di tutta la vicenda. Nel primo business plan ideato originariamente si prevedeva la fine della vicenda Saab per fine settembre, quando queste date non sono state rispettate ed all'inizio di novembre non si è potuto calcolare una data esatta per concludere i lavori abbiamo resistito fino alla fine di novembre, ma la situazione era diventata insostenibile.

Ams: Quanto ha il influito questo ritardo nei business plan?
Christian: Sinceramente credo che tale ritardo abbia aumentato tutto il processo di circa un miliardo, perché Saab era già in grado di produrre prima del 2010 con i nostri business plan. Quando la produzione è stata ritardata abbiamo dovuto posticipare l'intero piano aziendale. Ci aspettavamo che qualcuno ci venisse incontro per questa somma non prevista inizialmente.

Ams: Il Koenigsegg Group era pronto a rischiare finanziariamente?
Christian: Non troppo. Ed è per questo che abbiamo lasciato l'acquisto. Non potevamo rimanere tranquilli e credere di attuare un piano dove si inizia a vedere la mancanza di risorse e di tempo, dove la maggior parte di attività sono già state garantite, dovevamo sperare non credere per continuare ormai.

Ams: Perché la vicenda Saab è andata così lentamente?
Christian: Solo ora diverse parti sembrano aver capito quanto era urgente tale vicenda e quanto invece era stata rallentata. Se tutti gli elementi coinvolti avevano davvero a cuore il destino di Saab sarebbe stato tutto più veloce.

Christian: Questa suddivisione non è stata effettuata per chiudere Saab, ma solo perché l'Ufficio del Debito l'ha richiesto espressamente per visualizzare con più facilità le garanzie fornite. Si è deciso che Saab non deve pesare sui contribuenti e non è stato fornito nemmeno un centesimo, abbiamo sperato che alcuni fondi venissero messi a disposizione ed invece nulla. Ora sembra che Baic tenti di comprare alcune parti di Saab, ciò è positivo, perché significa nuove entrate e magari un acquisto totale.

Ams: Come vede la situazione in questo momento?
Christian: E' una situazione molto delicata, può succedere di tutto. Abbiamo lasciato dietro di noi vari contratti, ma la parte più grande è ormai completata. Tuttavia, tutte le parti interessate devono ovviamente tener conto del ritardo ormai ottenuto. Alcune delle persone coinvolte hanno dimostrato che volendo si può velocizzare il tutto e questo può essere solo positivo.

Ams: Il Koenigsegg Group è ancora interessato a Saab? La "scalata" può essere ripresa?
Christian: Assistiamo dietro le quinte da spettatori la vicenda. Non abbiamo ricevuto alcuna offerta o proposta adeguata per compensare o correggere il ritardo. Siamo però disposti ad aiutare chiunque per sostenere Saab.

giovedì 10 dicembre 2009

Comunicato Stampa di General Motors


Nuovo comunicato Americano...

Mercoledì scorso General Motors aveva rilasciato il primo comunicato stampa sulla vicenda Saab ed oggi ne rilascia un secondo. Il nuovo comunicato indica lo stato dei lavori e conferma l'interesse di nuove aziende al brand scandinavo, ma ecco il comunicato.

General Motors - Seconda Dichiarazione Ufficiale sui negoziati Saab
Detroit - Come è stato comunicato settimana scorsa, il lavoro intorno al brand Saab non è concluso con la fine dei colloqui con il Koenigesgg Group. Gli ultimi processi in corso sono dedicate al patrimonio di Saab e a tutte le attività legate al marchio. Dal momento che queste discussioni sono riservate ed in corso, non avremo ulteriori commenti fino alla decisione definitiva e all'annuncio da parte di un nuovo acquirente.

Mr. Tom Wilkinson
Tel: 3136670366 (Ufficio)
Tel: 3133786233 (Mobile)

mercoledì 9 dicembre 2009

Spyker Cars a Trollhattan


Nuove visite a Trollhattan...

Settimana di visite a Trollhattan, sembra che dopo le visite del Primo Ministro siano giunti alla sede centrale di Saab anche alcuni manager della Spyker Cars che hanno potuto visionare le automobili e l'azienda. Questo "tour" riconferma le voci pubblicate settimana scorsa che davano Spyker Cars come uno dei possibili nuovi acquirenti di Saab Automobile Ab. Nella foto pubblicata è possibile riconoscere di spalle Mr. Jörgen Nylén (Responsabile dello Sviluppo per Saab Automobile Ab) che mostra una nuova Saab 9.3X ad alcuni manager di Spyker Cars. Di seguito un articolo di Ttela che è stato pubblicato dopo le prime foto.

Spyker Cars ha visitato Saab
Trollhattan - Ecco le prime prove fotografiche dell'interesse dell'azienda olandese Spyker Cars verso Saab. Ieri, la società dei paesi bassi ha fatto visita a Trollhattan per dare un'occhiata più da vicino a Saab. In questo ultimo periodo vari soggetti si sono dimostrati interessati a Saab ed alcuni hanno abbandonato "il campo" come la cordata Koenigsegg Group. In questi giorni la stessa Spyker Cars ha ufficializzato il suo interesse per il brand scandinavo dal suo sito web (per i lettori di SAABnews il testo integrale del comunicato è pubblicato in calce all'articolo) e ha fatto ripartire le trattative per la cessione del marchio da parte di General Motors. Dal comunicato stampa rilasciato sembra che Spyker tenti la "scalata" con l'aiuto di un suo azionista il Convers Group (riconducibile al gruppo bancario russo Convers Bank) così mentre i Ministri Svedesi si riunivano con il management e con i Rappresentanti Sindacali martedì mattina, Spyker Cars ha visitato l'azienda svedese ed il Saab Cars Museum di Trollhattan (sono stati riconosciuti Mr. Hans Go Membro del Consiglio di Amministrazione di Spyker e Mr. Jörgen Nylén Responsabile dello Sviluppo per Saab Automobile Ab).

In contemporanea con le prime foto della visita a Trollhattan, ecco il primo comunicato stampa ufficiale rilasciato dal costruttore olandese Spyker Cars.

News Release - Dichiarazione di Interesse di Spyker Cars per Saab
Zeewolde Olanda - 2 Dicembre 2009
In risposta alle richieste del mercato, Spyker Cars conferma che, insieme con il suo azionista il Convers Group, ha espresso un interesse per Saab Automobile Ab. Se e quando saremo in grado di esprimere ulteriori commenti, lo faremo, ma ora non siamo in grado di fornire ulteriori informazioni.
Nota per i media: Per la pubblicazione delle immagini ad alta risoluzione si prega di visitare la galleria sul nostro sito http://www.spykercars.com/

Per ulteriori informazioni giornalistiche, si prega di contattare:
PFPR Communications Ltd
Mr. Mike Stainton
Tel: +44 (0)1622776687 (Ufficio)
Tel: +44 (0)7739891040 (Mobile)
Mail: mike.stainton@pfpr.com

Mr. Peter Rawlinson
Tel: +44 (0)1622691361 (Ufficio)
Tel: +44 (0)7971472715 (Mobile)
Mail: peter.rawlinson@pfpr.com

Visita del Governo a Trollhattan


Visite "annunciate"...

Il Primo Ministro Svedese Mr.s Maud Olofsson ha visitato la sede centrale del brand scandinavo Saab a Trollhattan, a riportare la notizia la testata svedese Ttela che ricorda l'ultima visita ufficiale del Primo Ministro il 23 Febbraio di quest'anno il giorno in cui fu presentata la "ricostruzione" che segnò il primo passo verso il futuro per Saab.

Trollhattan - Il Primo Ministro Maud Olofsson ed il Ministro del Lavoro Mr.Sven Otto hanno visitato l'azienda automobilistica scandinava Saab martedì mattina. "Con questa visita possiamo definire le modalità e le tempistiche dei lavori in corso" ha affermato Mr. Alfredsson (portavoce del Governo), in un breve incontro con i media. I due politici si sono incontrati con il management e con i Resp. Sindacali dell'azienda, l'incontro è durato tutta la mattinata e i due Ministri hanno avuto l'occasione di vedere il Governatore Lars Backstrom, il Capo del Consiglio Regionale Kent Jackson e l'Assessore Gert Inge Andersson, quest'ultimo ha poi dichiarato "L'industria automobilistica è molto importante per la Svezia, ma siamo fermamente convinti che non debba diventare di proprietà statale" prima dell'incontro svolto a Trollhattan. Il Governo è a Trollhattan per definire il ruolo dello stato nella situazione Saab, ma non ha voluto rendere noto se ha la possibilità di intervenire attivamente nella vicenda e nessuno ha voluto sbilanciarsi "Vogliamo vedere quale ruolo possiamo ricoprire nella vendita di Saab" ha affemato Mr. Alfredsson, che cio tiene a non vedere la vicenda solo interna al brand, ma alla regione e alla nazione intera. I Rappresentanti Sindacali di Saab avevano sperato che tale incontro con il Governo portasse nuovi aiuti alle casse dell'azienda in questa critica situazione "Ci aspettiamo un atteggiamento positivo per risolvere tutto questo" afferma Mr. Paul Akerlund che non ha voluto descrivere l'ipotesi sperata (un prestito, una promessa, un'impegno...) da parte del Governo e conclude "Dobbiamo avere una risposta sul futuro dell'azienda, ci sono svariate famiglie che vivono grazie a Saab". Una critica parte da Mr.s Anette Hellgren Sindacalista in Saab che sottolinea "il Governo aveva stanziato ben cinque miliardi di corone per risollevare i brand automobilistici svedesi, da utilizzarsi solo in caso di bisogno e ne Saab ne Volvo li hanno mai visti. Non è il caso di usarli ora?".
Alcuni reporter e giornalisti presenti all'ingresso dello stabilimento.

Terza tappa Americana


Si arriva a Boston...

Come sapete il Tour Americano della nuova Saab 9.5 My 2010 continua normalmente, mentre quello Europeo è stato cancellato. Da Boston terza tappa del Tour dopo Miami e San Francisco ci giungono queste nuove foto dello stand Saab. Il brand scandinavo presente alla manifestazione Americana ha mostrato al grande pubblico non solo la nuova ammiraglia, ma tutta la gamma al gran completo nuova crossover Saab 9.3X compresa. Speriamo che tali manifestazioni possano ripetersi anche nel vecchio continente ed in Italia in particolare... Ecco le immagini come promesso.
Due MacBook presenti allo stand Saab il paragone mai ufficializzato sembra sempre più presente.

La Nuova "Saab"


Una nuova struttura per il brand scandinavo...

Si ritorna a parlare del futuro di Saab e scusandoci per il nostro silenzio di questi giorni dovuto al ponte festivo vi proponiamo questa notizia giunta da Goteborg in Svezia. Sembra che l'Ufficio del Debito Svedese abbia imposto a Saab Automobile Ab di "dividersi" e ristrutturarsi in cinque ben distinte divisioni: Powertrain, Parts, Proprietà, Strumenti e Investering. E' importante sottolineare afferma il portavoce di Saab Automobile Ab Mr. Eric Geers, che questa "ristrutturazione" non comporterà danni o problemi all'azienda. Il processo stesso è già stato completato ed ha permesso il trasferimento delle "vecchie" catene di montaggio della precedente Saab 9.5 vendute a Baic come segnalato. Ecco un articolo apparso sulla stampa locale che descrive l'operazione.

"Saab non è legalmente un'unica struttura ora" ad affermarlo il portavoce dell'azienda svedese Mr. Eric Geers che conferma le richieste dell'Ufficio del Debito Svedese. Tale organismo nazionale ha imposto al brand scandinavo di "ristrutturarsi" dividendo legalmente vari settori della casa automobilistica, dando di conseguenza la possibilità di avviare il trasferimento delle catene di montaggio della precedente Saab 9.5 in Cina secondo gli accordi stipulati con Baic. Saab Automobile Ab è stata registrata nel 1990 e se alcuni settori sono nati il 10 e 12 novembre di quest'anno (le sezioni Strumenti e Proprietà) altri erano già stati ideati dal precendete proprietario americano, dal 2000 infatti è nata la sezione Parts che si occupa dei ricambi e accessori. Powertrain ha subito vari cambi di nome durante tutti questi anni l'ultima modifica risale al 15 Ottobre di quest'anno (prima questo settore dedicato allo sviluppo e alla realizzazione dei propulsori fù chiamato: General Motors Powertrain-Sweden Ab e successivamente Saab Automobile Powertrain Ab). Il portavoce Mr. Eric Geers sosteien che tale suddivisione non deve essere interpretata come un primo passo per la chiusura del brand, ma semplicemnte come una "ristrotturazione" voluta dall'Uff. del Debito per garantire un futuro ancora più snello e moderno all'azienda automobilistica. Il Ministro Joran Hagglund, ha confermato attraverso il suo segretario Mr. Håkan Lind che questa operazione è un requisito fondamentale imposto dal Governo per garantire maggiore chiarezza e sicurezza. Mr. Geers non ha voluto commentare le indiscrezioni rivelate dai media relative al trasferimento dell'attuale 9.3 in Cina, ma ho sostenuto l'intenzione di vendere le tecnologie ormai passate. Per ora le decisioni spettano ancora al gruppo americano che possiede ancora il brand e si sospetta che General Motors fornisca ancora fondi al brand per permettergli di sopravvivere fino alla fine dell'anno, ma sono solo rumors e non trovano conferme ufficiali.

Il Ritorno a Trollhattan


Un accoglienza non sperata...

Non và tutto male a Trollhattan ed a dimostrarlo sono gli stessi dipendenti della sede principale di Saab Automobile Ab che avvisati del ritorno del Ceo Svedese Jan Åke Jonsson si sono preparati per accoglierlo in modo trionfale dal suo ultimo viaggio di lavoro negli Stati Uniti dove ha sostenuto l'azienda e fronteggiato in prima persona il gruppo di Detroit. Presenti non solo operai, ma anche vari impiegati e manager del brand scandinavo che hanno voluto omaggiare il Ceo con un mazzo di rose segno di gratitudine verso chi non ha mai abbandonato Saab in tutti questi anni, sostenere un'azienda nei momenti difficili non è una cosa da poco e tale attaccamento al brand si riscontra ben poco nelle grandi aziende sopratutto in quelle automobilistiche. Complimenti Mr. Jonsson! Il Grazie lo dobbiamo noi a lei...

mercoledì 2 dicembre 2009

I Nuovi possibili acquirenti


Aaa Interessati cercasi...

Forse non è il migliore dei modi aprire questo articolo con questa ironia, ma vogliamo ridefinire i nomi delle società interessate al brand scandinavo Saab. Come sapete il gruppo di Detroit avrà tempo fino a fine anno per decidere il prossimo proprietario del marchio automobilistico svedese Saab e finora l'unico nome a sparire ufficialmente dalla "rosa" dei favoriti è stata Merbanco Inc. società americana. Chi rimane per Saab? In queste ore Saab Automobile Ab ha fornito interessanti nomi che grazie ad alcune indiscrezioni sono trapelate alle varie testate automobilistiche. Vediamoli di seguito cercando di analizzarli uno ad uno nel migliore dei modi.
  • Beijing Automotive Industry Baic - Holding cinese e costruttore di automobili e piccoli veicoli commerciali di Pechino. La società dall'anno della sua fondazione ha stretto varie joint venture con costruttori automobilistici occidentali quali: Jeep e Daimler-Benz, attualmente l'azienda produce circa 700000 jeep, furgoni e piccoli veicoli commerciali all'anno.
  • Converse Bank - Banca Russa fondata nel 1993 diffusa in Armenia dove rappresenta una delle banche più diffuse. La clientela dell'istituto bancario si è quintuplicato negli ultimi 2 anni, aumentando così anche il numero di impiegati che conta 560 persone circa.
  • Renco Group - Holding con base a New York controllata da Mr. Ira Rennert che investe in altre società di vari settori. Renco Group è tuttora proprietaria di alcune miniere negli Stati Uniti ed in Sud America (coinvolte in varie cause ambientali) e del costruttore di veicoli militari Humvee. Oggi controllata da vari investitori svolge gran parte delle sue operazioni tramite l'azienda controllata AM General Llc che si occupa della produzione e sviluppo di elementi legati al brand Hummer.
  • Spyker Cars - Azienda olandese costruttrice di auto sportive artigianali fondata nel 2000. L'azienda fu fondata da Mr. Victor Muller e Mr. Maarten de Bruijn che riportarono in auge il nome di una precedente fabbrica di auto di lusso e motori per l'aviazione. Nel 2005 dopo un solo anno dall'inizio delle quotazioni in borsa il designer e fondatore Mr. De Bruijn ha lasciato l'azienda olandese.